Suasa, una donna islandese morta nel 1057 in America… o una bufala?

Le grandi cascate del Potomac

Le grandi cascate del Potomac

Curiosando qua e là ho trovato questo interessante trafiletto su Google Books, tratto da Friends intelligencer: a religious and family journal, Volume 24, Philadelphia 1868, pagina 416. Riporta la notizia di un ritrovamento archeologico nei pressi delle grandi cascate del Potomac di una sepoltura all’interno della quale sono stati ritrovati diversi oggetti tra cui un’iscrizione runica che ci testimonia come il corpo fosse di una donna islandese (sarebbe meglio dire vichinga) chiamata “Suasa” (come la nostra antica città romana) morta nel 1057 dell’era cristiana. Sulla attendibilità della scoperta non mi pronuncio, la presenza dei vichinghi in Nordamerica è risaputa, ma nel caso specifico non saprei, dubita persino il giornalista che ha riportato la notizia,  ma riporto la trascrizione in inglese e la sua traduzione.

The Washington Union reports the discovery, below the Great Falls of the Potomac, within fifteen miles of Washington, by Prof. T. C. Raffinson, of Copenhagen, of a Runic inscription, which records the death of an Iceland woman named Suasa, who died in the year 1057, of the Christian era. Fragments of teeth, bronze trinkets, coins, and other curious things, have been exhumed from the grave. The discovery appears to prove conclusively that the Northmen were long in advance of Columbus in their explorations upon this continent. A scientifc report, in reference to this discovery, will be looked for with great interest.

Il Washington Union riporta la scoperta, sotto le grandi cascate del Potomac, a quindici miglia da Washington, da parte del Prof. T. C. Raffinson, di Copenhagen, di una iscrizione runica, che registra la morte di una donna islandese chiamata Suasa, che morì nell’anno 1057 dell’era cristiana. Frammenti di denti, ciondoli di bronzo, monete e altri reperti curiosi, sono stati esumati dalla sepoltura. La scoperta sembra provare definitivamente che i nordici erano in grande anticipo rispetto a Colombo nelle loro esplorazioni in questo continente. Una pubblicazione scientifica, relativamente a questa scoperta, è attesa con grande interesse.

La mappa di Vinland

La stessa notizia, data originariamente dal Washington Evening Union, viene riportata, con grafia del nome della donna e data di morte diverse, anche in The Historical Magazine, and note and queries, concerning the antiquities, histories and biography of America. Volume II. Second series. Dawson, 1867. Pagina 38. (Qua scaricabile in PDF)

Extraordinary Discovery below the Great Falls of the Potomac. — The Washington Evening Union of the eighth of July has a lengthy communication from Thomas C. Raffinson, Fellow of the Royal Society of North Antiq., Copenhagen, giving a description of a discovery made by him recently of a Runic inscription on a rock near Georgetown, which, translated, reads as follows :

” Here rests Syasy, or Suasu, the fair haired, a person from the east of Iceland, the widow of Kjoldr, and sister of Thorgr, children of the same father, twenty-five years of age. May God make glad her soul. 1051.”

Upon digging in the earth at the foot of the rock a few human teeth and a bone, which crumbled upon being exposed to the air, two Roman coins, and three bronze trinkets, were found.

Above the Runic inscription the name of ” W. Langley, 1758,” is carved. Mr. Raffinson considers the discovery of these things as unquestionable proof of the visits of the Icelandic voyagers to this continent, but it is still more remarkable, as confirming a statement made in an ancient manuscript which was dug out of the ruins of theancient college at Skalholt, in Iceland, in which it is affirmed that, under the command of Herbardur, his countrymen sailed in a Southernly direction from Yineland, (or Martha’s Vineyard,) where they wintered, and thence up a sea and various rivers, the ascent in one of which was stopped by a succession of falls, to which, from their shape and foamy appearance, they gave the name of Hvidsderk, or white shirt; and the MS. furtherstates that in this neighborhood the illegitimate daughter of Snorri was killed by a small spear (or arrow) and buried near the spot where she fell.

It was the reading of this narrative which led Mr. Raffinson to explore the country around these falls, and his labors have been abundantly rewarded — if he has not been hoaxed. — Richmond Examiner.

Straordinaria scoperta sotto le Grandi Cascate del Potomac – Il Washington Evening Union dell’otto di luglio ha una lunga comunicazione da Thomas C. Raffinson, socio della Royal Society di North Antiq., di Copenhagen che da la descrizione della scoperta da lui effettuate recentemente di un’iscrizione runica sopra una roccia vicino Georgetown, la quale, tradotta, si legge come segue:

Qui riposa Syasy, o Suasu, la bionda, una persona dall’est dell’Islanda, vedova di Kjoldr, e sorella di Thorgr, figli dello stesso padre, dell’età di venticinque anni. Possa Dio essere lieto della sua anima. 1051

Dopo aver scavato la terra ai piedi della roccia, sono stati trovati alcuni denti umani e un osso, che si è sbriciolato dopo essere stato esposto all’aria, due monete romane, e tre ciondoli di bronzo.

Sull’iscrizione runica è inciso il nome di “W. Langley. 1758”. Il signor Raffinson considera la scoperta di questi oggetti con la prova incontestabile della visita dei viaggiatori islandesi in questo continente, ma è ancora più considerevole, in quanto conferma la testimonianza fatta in un antico manoscritto che è stato scovato nelle rovine dell’antica dell’università di Skaltholt, in Islanda, nel quale è affermato che, sotto il comando di Herbardur, alcuni suoi conterranei salparono in direzione meridionale, verso Vineland, (oppure il vigneto di Martha,) dove trascorsero l’inverno, e quindi navigarono in mare e su vari fiumi, la risalita di uno di questi fu fermata da una sequenza di cascate, alle quali, per la loro forma e dell’apparenza schiumosa, venne dato loro il nome di Hvidskerk, o camicia bianca; inoltre il manoscritto afferma che nelle vicinanze la sorella illegittima di Snorri fu uccisa da una piccola lancia (o freccia) e sepolta vicino al luogo in cui cadde.

E’ stata la lettura di questo racconto che ha portato il signor Raffinson ad esplorare il territorio attorno a queste cascate, e il suo lavoro è stato abbondantemente ripagato, a meno che non sia stato imbrogliato.  Richmond Examiner.

La mappa di Skálholt

La mappa di Skálholt

In seguito la scoperta viene citata, ipotizzando anche se non sia stato solo un pesce d’aprile ben organizzato, anche in History of America before Columbus, according to documents and approved authors (1900) pagina 38:

CHAPTER XV.

OTHER SCANDINAVIAN AND WELSH COLONIES.

We have noticed that in the year 1003 Thorvald Ericsson sent forth towards more southern coasts an exploring party, which, we may presume from a subsequent fact, sailed up the Potomac River. In the year 1863 a Latin manuscript was discovered near the church of Skalholt in Iceland by Ph. Marsh, and was called the Skalholt Saga. In it is related the story of a Vinland colonist who, likely in consequence of the favorable report of Thorvald’s expedition or of other voyages not mentioned, undertook in 1051 to plant another colony on the beautiful banks of the Potomac. His name was Hervador. With his men and some women on board he sailed into Chesapeake Bay and up the river ; but about two miles below the falls he was assaulted by a band of natives ; and one of the women, Syasi, fell struck by an arrow. She was buried on the bank near by, under a protecting cliff.

Thomas Murray, who translated into English the ancient document, clearly indicated Hervador’s route and the place of the combat. The learned Raffinson, the geologist Lequeureux, Professor Brand, of Washington, and Dr. Boyce, of Boston, set out in search of some relic that might testify to the truth of the narrative; and succeeded on June 28, 1867, in finding, on the northeast side of the rock called “Arrow-head,” an inscription which, translated from the old Scandinavian said as follows: ” Here rests Syasi the Blond from eastern Iceland, Koldr’s widow, Thorger’s sister on brother‘s side . . . .  Aged twenty-five year. May God be merciful to her. 1051.” The inscription was half covered with moss and protected by the overhanging part of the rock and an old pine-tree. In the ground close by were found three teeth, a fragment of a large bone that crumbled into dust, three small perforated ornaments of bronze, two pieces of encrinites, and two Byzantine coins of the tenth century. These last were likely obtained from Scandinavians who had been body-guards of the Eastern Emperor. All these interesting articles are now preserved in the Smithsonian Museum in Washington. These particaculars regarding Hervador’s unfortunate visit to the Potomac are quite circumstantial and likely; yet Winsor calls the story an April hoax promptly exposed.

So far no satisfactory proof has been given of any Scandinavian settlements in North America beyond the limits of ancient Vinland; but if the Northmen contented themselves with that province of the continent, they steered their good ships over every portion of the broad Atlantic between the Old and the New World, almost down to the time that Columbus was preparing for his famous voyage

CAPITOLO XV.

ALTRE COLONIE SCANDINAVE E SCOZZESI.

Abbiamo visto come nell’anno 1003 Thorvald Ericsson mandò in avanscoperta verso le coste più a sud una pattuglia di esplorazione, la quale, possiamo presumere dai fatti seguenti, abbia risalito il fiume Potomac.

Nell’anno 1863 un manoscritto latino fù scoperto nei pressi della chiesa di Skalholt in Islanda da Ph. Marsh e fù denominato la Saga di Skalholt. In questa è riportata la storia di un colono di Vinland, il quale, probabilmente a seguito del racconto incoraggiante della spedizione di Thorvald o di altri viaggi non menzionati, intraprese nel 1051 di fondare un’altra colonia sulle bellissime sponde del Potomac. Il suo nome era Hervardor. Assieme ai suoi uomini e a qualche donna a bordo navigò nella Baia di Chesapeake e su nel fiume; ma circa due miglia sotto le cascate fù assaltato da una banda di nativi americani, e una delle donne, Syasi, cadde colpita da una freccia. Fù sepolta su una sponda del fiume sotto la protezione di una rupe.

Thomas Murray, che tradusse in inglese l’antico documento, indicò chiaramente il percorso di Hervardor e il luogo del combattimento. L’erudito Raffinson, il geologo Lequeureux, il professore Brand, di Washington, e il dottor Boyce, di Boston, si misero in cerca di qualche reperto che potesse confermare la verità del racconto, e accadde il 28 giugno 1867 di trovare, nel lato nordest della roccia chiamata “testa di freccia” un’iscrizione la quale, tradotta dal norreno antico dice come segue: “Qui riposa Syasi, la bionda islandese dell’est, vedova di Koldr, sorella di Thorger da lato del padre, di venticinque anni. Dio sia misericordioso con lei. 1051.”  L’iscrizione era coperta per metà di muschio e protetta dalla parte sporgente della roccia e da un vecchio pino. Nel terreno adiacente sono stati trovati tre denti, un frammento di un osso piatto che si è sbriciolato, tre piccoli monili di bronzo, due pezzi di encrinite, e due monete bizantine del decimo secolo. Queste ultime probabilmente erano state ottenute dagli Scandinavi che avevano fatto da guardie del corpo all’imperatore bizantino. Tutti questi reperti interessanti sono ora conservati allo Smithsonian Museum di Washington. Questi particolari riguardanti la sfortunata visita di Hervardor al Potomac sono circostanziati e verosimili, eppure Winsor considera la storia un pesce d’aprile ben confezionato.

Finora nessun prova convincente è stata trovata circa gli insediamenti scandinavi in Nord America oltre i limiti dell’antica Vinland; ma se i Nordici erano soddisfatti di quella provincia del continente, loro hanno portato le loro buone imbarcazioni sopra qualsiasi porzione dell’Atlantico tra il vecchio e il nuovo mondo, almeno sino al tempo in cui Colombo stava preparando il suo famoso viaggio.

Chissà se allo Smithsonian in qualche teca o in qualche scantinato hanno ancora l’iscrizione runica e gli altri reperti? Sarebbe interessante verificare l’autenticità dei reperti e di tutta la storia, alla luce delle conoscenze odierne.

Chi volesse approfondire le esplorazioni vichinghe precolombiane nel Nord America puoi leggere, oltre che i numerosi libri scritti sul tema, anche le relative voci su Wikipedia:

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in documenti storici, Suasa, USA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...